Antiche Ricette Toscane

Vai ai contenuti

Menu principale:

Filetto al tartufo nero

Secondi Carne > Dalla A alla F
 

Filetto al tartufo nero


E straordinario come Venanzio Vannucci, in questo scenario monumentale del marmo, uno scenario duro, solenne, nesca a creare una cucina tanto delicata. Il suo filetto è da laurea honoris causa in gastronomia. Filetto o bistecca disossata. Inizio di cottura sulla griglia, con un po' d'olio extra vergine d'oliva. Completata in una casseruola con mezzo bicchiere di saIsa di soia, un po' di brodo e del vino bianco. Cuocere un po' sopra e un po' sotto. Poi si lascia riposare a casseruola coperta. "Perché la carne ha i nervi tesi" spiega. "Dopo un'ora si è rilassata. E il filetto è leggero come una piuma". A questo punto si taglia a fette sottili e si cuoce per 5 secondi nel suo sugo con il tartufo nero di Norcia tenuto a mollo in precedenza nello sherry.

Ricetta del ristorante Venanzio di Colonnata.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu